Confguide | Comunicati stampa
ConfGuide è federazione leader nella rappresentanza del sistema guide turistiche, ambientali e accompagnatori turistici, sinonimo di qualità e professionalità.
confguide, confguide nazionale, guide turistiche, guide turistiche certificate, guide turistiche abilitate
280
archive,paged,category,category-comunicati-stampa,category-280,paged-4,category-paged-4,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Audizione con il Coordinatore della Commissione Interregionale per il Turismo

 ConfGuide (unitamente ad altre Associazioni di categoria delle guide turistiche italiane), ha svolto un’audizione con il Coordinatore della Commissione Interregionale per il Turismo della Conferenza delle Regioni, sulle modalità per il riconoscimento e l’estensione delle abilitazioni professionali delle guide turistiche.

 

Lo scorso 25 gennaio ConfGuide (unitamente ad altre Associazioni di categoria delle guide turistiche italiane), rappresentata dalle persone delle vice presidenti Valeria Gerli (Vicaria) e Paola Balestra, ha svolto un’audizione con il Coordinatore della Commissione Interregionale per il Turismo della Conferenza delle Regioni, sull’interpretazione dell’art.8 del DM 565/2015 (sostanzialnmente relativo alle modalità per il riconoscimento / estensione delle abilitazioni professionali delle guide turistiche. Confguide chiede che le guide con abilitazione provinciale vengano assimilate in tutto alle guide con abilitazione regionale (province della medesima regione) e dunque rientrino nel primo avviso e possano conseguire l’abilitazione specifica per i siti di tutta la regione (di cui fa parte la provincia) sulla base dei punteggi previsti nel primo avviso (diploma di istituto superiore 55 punti + 15 punti per ogni anno di esercizio della professione = 70 punti corrispondenti al minimo previsto. Secondo Confguide, tutte le guide già abilitate dovrebbero conseguire senza problemi l’abilitazione specifica per i siti della propria regione, anche qualora la vecchia abilitazione fosse provinciale. “Stando ai criteri individuati nelle linee di indirizzo – sottolinea inoltre Confguide – a noi sembra di fatto impossibile per una guida candidata proveniente da altre regioni o dall’estero conseguire l’abilitazione specifica”.

Ddl lavoro autonomo, “importante passo in avanti, ma restano criticità”

Per Confcommercio audizione presso la Commissione Lavoro della Camera dei Deputati. Fioroni: “Importante passo in avanti: per la prima volta il lavoro autonomo viene individuato come forma di lavoro indipendente ed autorganizzato”. “Per i lavoratori autonomi professionali resta ancora molto da fare su vari fronti”.

“Con questo disegno di legge sono state accolte alcune nostre richieste e si fa un importante passo in avanti perché per la prima volta il lavoro autonomo viene individuato come forma di lavoro indipendente ed autorganizzato, senza distinzioni tra professioni ordinistiche e non”: così Anna Rita Fioroni, responsabile Confcommercio Professioni, nell’audizione sul ddl lavoro autonomo alla Commissione Lavoro della Camera dei Deputati. “Bene – continua la responsabile di Confcommercio Professioni – l’intera deducibilità delle spese per la formazione e aggiornamento professionale, in cui chiediamo di ricomprendere anche quelle di viaggio e soggiorno. Positiva la deduzione fiscale integrale per la certificazione delle competenze, entro il limite massimo annuo di 5mila euro, che però deve riguardare ogni tipo di certificazione professionale con attenzione anche ai professionisti ex lege 4/13. Chiediamo, inoltre, maggiore facilità di accesso al credito per i professionisti non ordinistici con riferimento all’operatività dei Consorzi Fidi”.  “L’estensione ai rapporti contrattuali della disciplina sull’abuso di dipendenza economica – precisa Fioroni – non sarà di facile applicazione e riteniamo non risolva la problematica legata alla difficoltà  di negoziazione dei compensi quando c’è forte asimmetria di posizioni tra le parti del contratto, come, ad esempio, nei rapporti con la PA”. “In tema di congedo parentale, un importante avanzamento è stato fatto, ma sarebbe opportuno prevedere un periodo di riferimento più ampio per il calcolo contributivo. Dal lato del welfare, positivi gli interventi del ddl, ma – continua Fioroni – permangono disparità di trattamento sui supplementi di pensione e pensioni supplementari per pensionati della gestione separata, che andrebbero sanate”. “Per i lavoratori autonomi professionali – conclude Fioroni – resta, quindi, ancora molto da fare su vari fronti. Penso, ad esempio, alla problematica della costante riduzione di reddito da contrastare con azioni che incentivino la competitività e che semplifichino burocrazia e fisco. Sarebbe già un primo traguardo definire, in modo inequivocabile e una volta per tutte, le caratteristiche dei lavoratori autonomi che sono esclusi dal pagamento dell’Irap per l’assenza dell’autonoma organizzazione, al fine di evitare dubbi ed incertezze”.

Emilia Romagna: Nasce il coordinamento regionale

COMUNICATO STAMPA

NASCE IL COORDINAMENTO REGIONALE CONFGUIDE

Si è recentemente costituito presso la Confcommercio Emilia Romagna il Coordinamento delle Federazioni Confguide presenti nella nostra Regione.

Alla Presidenza è stata nominata Paola Balestra, già Presidente di Confguide Bologna e Vice Presidente di Confguide Nazionale, mentre Vice Presidente è Benedetta Orlati Presidente di Confguide Forlì-Cesena.

Gli obiettivi principali del neonato Coordinamento sono quelli di avviare un costante confronto tra le organizzazioni territoriali, continuare insieme la lotta all’abusivismo ma soprattutto essere l’organismo di riferimento che potrà dialogare con la Regione Emilia Romagna sulle normative che regolano il settore delle Professioni Turistiche.

Bologna, 23 dicembre 2016

MARTA e Confguide Taranto e Brindisi

COMUNICATO STAMPA

CONFGUIDE TARANTO E BRINDISI PLAUDE AL COMPLETAMENTO DEL PERCORSO ESPOSITIVO DEL MUSEO ARCHEOLOGICO DI TARANTO E INVITA A MIGLIORARE VIGILANZA E CONTROLLO PER CONTRASTARE IL FENOMENO DELLE GUIDE TURISTICHE ABUSIVE.

Confguide Taranto e Brindisi, la federazione nazionale delle guide turistiche di Confcommercio, esprime sincero plauso per l’apertura del secondo piano del Museo Archeologico di Taranto. Ricordando e ringraziando dirigenti, soprintendenti e funzionari che per lunghi anni si sono spesi per il nuovo allestimento del museo, dopo lunghe attese, ansie, sacrifici e rinvii, giunge finalmente a completamento il percorso espositivo di uno dei più importanti musei del Mezzogiorno, punto di riferimento per la Magna Grecia, una delle trenta strutture autonome museali decretate dalla riforma del ministro italiano della Cultura e del Turismo, Dario Franceschini, atteso a Taranto per la cerimonia di inaugurazione insieme al Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi.

Il taglio del nastro tricolore in occasione dell’inaugurazione del “nuovo museo” offre a tutti l’occasione per riflettere sull’urgente necessità di migliorare la vigilanza e il controllo sulle visite guidate che si svolgono nelle sale espositive del MARTA affinché, nel rispetto della normativa regionale e nazionale, queste siano sempre espletate da guide turistiche abilitate.

Confguide riferisce che in più occasioni anche nel museo è stata osservata la presenza di visitatori accompagnati da operatori sprovvisti dell’abilitazione all’esercizio delle professioni turistiche, riscontrando anche in questo ambito professionale e in questo luogo della cultura statale l’odioso fenomeno dell’abusivismo che di fatto attanaglia e impoverisce quotidianamente e da lungo tempo tutta la città in ogni suo settore produttivo.

Episodi che hanno evidentemente destato forte preoccupazione tra i professionisti, soprattutto perché investono un luogo della cultura statale che, per sua vocazione, è il più importante punto di riferimento culturale della città e, si spera, possa essere anche additato quale faro della cultura della legalità, respingendo e reprimendo concretamente ogni forma di illegalità e abusivismo esercitata da parte chiunque.

FIRENZE TURISMO – Chiusura improvvisa del Vasariano

UFFIZI. CONFGUIDE: VASARIANO MAI SICURO E TROPPO CALDO

“IN CERTE GIORNATE, DENTRO, LA TEMPERATURA SALE FINO A 40 GRADI”
(DIRE) Firenze, 13 lug. – Nel Corridoio Vasariano “la sicurezza
non c’e’ mai stata. Credo che il direttore degli Uffizi Eike
Schmidt abbia fatto molto bene a chiuderlo”. Interpellata dalla
‘Dire, il pensiero di Maria Paola Migliosi, presidente nazionale
di Confguide Confcommercio, e’ netto. Anche perche’ negli 800
metri circa del Corridoio c’e’ un altro problema: “All’interno
del Vasariano- spiega- non essendoci un sistema di
climatizzazione in giornate come queste si puo’ arrivare
tranquillamente a toccare i 40 gradi. Se la tutela dell’opera
d’arte e’ nelle prerogative della direzione, Schmidt ha fatto
bene”.
  (Dig/ Dire)
11:46 13-07-16

TURISMO FIRENZE. CONFGUIDE: OK A CARD CONTRO FALSI CICERONI

MIGLIOSI: SITUAZIONE INCONTROLLABILE, MA TESSERINO NULLA DI NUOVO
(DIRE) Firenze, 13 lug. – L’abusivismo tra le guide turistiche
“e’ un problema estremamente grave”, anche perche’ “ad oggi la
situazione e’ incontrollabile. Mi fa piacere quindi che Firenze
sia uno dei primi Comuni italiani a recepire questa tematica”.
Pero’ se il tema e’ il patentino elettronico “dico con franchezza
che non ha inventato niente di nuovo. Si tratta di un dibattito
che va avanti da anni”. Lo sottolinea alla ‘Dire’ Maria Paola
Migliosi, presidente nazionale di Confguide Confcommercio a
proposito del via libera arrivato in commissione Sviluppo
economico del Comune del tesserino dotato di ‘Qr code’, sistema
pensato per contrastare il fenomeno delle guide abusive.
   Se da una parte infatti “l’Europa ci chiede l’apertura della
nostra professione”, dall’altra tuttavia la vincola “a direttive
ben precise. E’ su questa logica che si parla dell’European
professional card, oppure di un vero e proprio identikit per i
professionisti”. Il gruppo Pd, che ha promosso l’iniziativa, si
e’ ispirato ad altre piazze turistiche, come Pisa e Roma. Li’ il
sistema funziona? “Non proprio. Mi spiego, c’e’ il progetto pero’
le amministrazioni comunali non hanno ancora completato
l’operazione: mancano per esempio gli strumenti per verificare i
codici, le ‘pistole’ per le verifiche”. Detto questo per Migliosi
il punto vero resta la professionalita’: “Abbiamo completato uno
studio importante sulla guida turistica a livello nazionale.
Nell’analisi emerge chiaramente che l’85% delle guide turistiche
ha un’ottima formazione culturale e che circa il 90% lavora sui
siti artistico-culturali. Il problema e il rischio, quindi, e’ la
formazione approssimativa e non in linea alle esigenze di un
turismo di massa che si caratterizza pero’ da richieste
particolari”.
  (Dig/ Dire)
12:10 13-07-16

Cristina Miedico a Tunisi – Inaugurazione del “Giardino dei Giusti

Cristina Miedico (foto), direttore e conservatrice del Museo Archeologico di Angera e vicepresidente di Confguide-Gitec, l’Associazione delle guide turistiche aderente alla Confcommercio milanese, partecipa venerdì 15 luglio a Tunisi all’inaugurazione di un “Giardino dei Giusti” presso la sede dell’Ambasciata d’Italia.
L’iniziativa, promossa dall’Associazione Gariwo di Milano, è sostenuta dal Governo italiano.
Uno degli alberi di questo giardino sarà dedicato a Khaled Al-Asaad, l’archeologo siriano ucciso dall’Isis nel 2015 per aver difeso il patrimonio archeologico di Palmira. La Miedico parlerà di lui essendo stata scelta dall’ICOM –International Council Of Museum- per questo; inoltre verrà ricordato anche il ruolo svolto dalla guida tunisina in occasione dell’attentato al Museo del Bardo (che portò in salvo i turisti).

Cresce ConfGuide – Anche a Chieti è stato costituito un gruppo Guide Turistiche ConfGuide

Nasce Confguide Confcommercio Chieti, la federazione nazionale delle guide turistiche, che farà la sua prima apparizione ufficiale in occasione dell’evento “Anteprima Montepulciano”.

Valorizzare la figura professionale della guida turistica ed implementare la richiesta di servizi di visite guidate tanto da parte del turismo organizzato quanto dal visitatore singolo. Sono gli obiettivi di Confguide, la federazione nazionale guide turistiche di Confcommercio, nato nel 2013 con l’intento di “contrastare il fenomeno diffuso dell’abusivismo, garantire servizi di qualità, fornire informazioni corrette, attivare corsi di formazione e di aggiornamento”. I servizi maggiormente svolti da Confguide sono quelli più squisitamente culturali, ovvero visite guidate o tour all’interno di musei, mostre temporanee, siti monumentali e archeologici, ma anche servizi che comprendono passeggiate e tour turistici, anche a carattere religioso. Nei prossimi mesi, peraltro, verranno attivati corsi di formazione per la nuova figura di guida enogastronomica e personal shopper. Intanto si parte in questo fine settimana con il supporto di Confguide Chieti alla manifestazione “Anteprima Montepulciano” grazie ad una collaborazione stretta con la Camera di commercio teatina. “La guida turistica deve essere intesa come il vero anello di congiunzione tra turismo e cultura ed è la figura chiave- afferma Marisa Tiberio, presidente provinciale Confcommercio Chieti- per la promozione del patrimonio storico artistico e culturale della provincia di Chieti. Una guida professionista, oltre ad illustrare l’oggetto della visita, induce nel turista visitatore la voglia di raccontare l’esperienza, tornare e visitare nuovi luoghi, anche quelli meno noti”. Tra le priorità di Confguide Chieti c’è quella di instaurare sinergie virtuose con le strutture ricettive certificate “ospitalità italiana” anche sul territorio provinciale, replicando in loco quanto già accade a livello nazionale. Ospitalità italiana, nel dettaglio, è un’iniziativa di sistema delle Camere di commercio che dal 1997 garantisce al consumatore standart qualitativi sulle imprese ricettive e ristoranti attraverso un processo di certificazione gratuita, volontaria e rinnovabile annualmente, che enfatizza la qualità del servizio erogato. Maria Paola Migliosi, presidente nazionale di Confguide Confcommercio, ha già espresso vivo apprezzamento, in occasione dell’assemblea costitutiva di Confguide Chieti, per la bellezza della nostra città e per il suo inserimento nel mondo certificato delle guide turistiche. Il consiglio direttivo di Confguide della provincia di Chieti è composto da Micaela Buffignani (coordinatrice), da Maria Paola Lupo, Rita Pezzella, Irene Chiavetta e Clara Tortella.

Taranto:Turismo, riunione a Palazzo di Città. Confguide: «si punti sulla qualità dei servizi»

Si è svolto a Palazzo di Città l’incontro istituzionale tra Confguide, associazione di categoria delle guide e accompagnatori turistici in seno a Confcommercio Taranto, e l’Amministrazione comunale.

 

All’incontro hanno preso parte il presidente e il vice presidente di Confguide Taranto, Giovanni Colonna e Luca Adamo, e l’assessore comunale al turismo, Cosimo Ianne. Centrale la discussione intorno alle effettive strategie di sviluppo turistico della città che non possono prescindere dal ruolo delle guide e degli accompagnatori turistici e da valori di legalità. L’incontro odierno è il risultato dell’attenzione che l’Amministrazione del comune capoluogo ha inteso riservare a Confguide Taranto, dopo che l’associazione di categoria ha rappresentato la grave situazione delle professioni turistiche a Taranto.
Da diverso tempo, ormai, le guide turistiche lamentano e documentano quotidianamente la presenza sul territorio di una massiccia attività svolta da operatori abusivi. Un fenomeno che, associato a quello dell’abusivismo anche in altri settori commerciali, mortifica i professionisti, scoraggia l’attività d’impresa, penalizza il mercato e l’occupazione.
«Siamo capillarmente presenti sul territorio – hanno dichiarato i rappresentanti di Confguide – monitorando giornalmente i tour, gli ingressi presso gli attrattori turistici, la promozione svolta sui canali social. Questo osservatorio documenta una realtà davvero sconcertante, che coinvolge tutti i luoghi d’interesse turistico, ovunque caratterizzato da un atteggiamento arrogante e strafottente degli abusivi, che finora hanno agito nella presunzione di restare impuniti. Un fenomeno che può essere contrastato assicurando un’adeguata azione di vigilanza e gli opportuni controlli da parte degli enti preposti».
Un appello immediatamente recepito dall’Amministrazione comunale che assicura di attivarsi in merito e al quale si aggiunge nel breve l’attivazione da parte di Confguide Taranto di un numero verde antiabusivismo a servizio della comunità locale e dei turisti.
«Riconosciamo strategico il ruolo e l’impegno di Confguide – ha dichiarato l’assessore Ianne – che diventa anche per l’Amministrazione comunale un punto di riferimento e un interlocutore privilegiato per la condivisione e strutturazione delle politiche turistiche della città, sostenendo fattivamente la qualificazione di questo settore nel quale si nutrono forti aspettative per il futuro».