Confguide | Legislazione
ConfGuide è federazione leader nella rappresentanza del sistema guide turistiche, ambientali e accompagnatori turistici, sinonimo di qualità e professionalità.
confguide, confguide nazionale, guide turistiche, guide turistiche certificate, guide turistiche abilitate
274
archive,category,category-legislazione,category-274,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Confguide: “La guida turistica deve essere unica in tutta Italia, con unica abilitazione e un solo esame di stato”

Rendere uniforme l’esercizio della professione in Italia attraverso un’unica abilitazione da conseguire, per le nuove guide turistiche, attraverso un solo esame di Stato.

Questa in sintesi la posizione di Confguide – Federazione Nazionale Guide Turistiche che chiede al legislatore che si avvii subito il riordino complessivo della normativa relativa alla professione di guida turistica.

Per Confguide occorre per questo perseguire i seguenti obiettivi, concreti e realizzabili:

Riconoscibilità nel mercato della figura professionale sulla base di competenze e formazione;
Valorizzazione e riconoscimento della figura professionale da parte della PA non solo nel Turismo, ma anche nel settore Cultura
Aggiornamento professionale continuo orientato ai cambiamenti del mercato e alle esigenze dei clienti con attenzione anche alle competenze trasversali determinanti per la competitività (competenze manageriali, digitali, etc)
Qualità uniforme su tutto il territorio nazionale
Lotta all’abusivismo
Equo compenso delle prestazioni e regole di condotta uguali per tutti

Per raggiungere questi obiettivi occorre che il Legislatore una volta per tutte intervenga con provvedimenti che consentano di rendere uniforme l’esercizio della professione in Italia e di introdurre un’unica abilitazione nazionale da conseguire con un solo esame di Stato.

Confguide dice “basta!” a corsi ed esami abilitanti, regionali o provinciali! 

Confguide chiede anche una definizione certa della nostra figura professionale contro ogni tentativo di introdurre figure di guide surrogate (che creano incertezza e sono ai limiti della legittimità) e contro ogni forma di abusivismo.

Confguide ne è convinta e ribadisce anche l’importanza della formazione, dedicata e successiva alla abilitazione per dare alle guide leve competitive importanti per qualificarsi e distinguersi sul mercato.

Confguide ha da sempre partecipato al dibattito tecnico e pubblico con queste convinzioni e ribadisce con forza e convinzione che non si può spettare! Le nostre guide associate vogliono risposte che permettano di superare le numerose incertezze che da troppo tempo ormai riguardano il settore.

 

Ufficio stampa Confguide nazionale

Roma, 14 marzo 2019

Toscana. C’è la nuova legge sul turismo: stop di un anno ai corsi di abilitazione per guida turistica.

La Regione Toscana ha approvato il testo di modifica della “vecchia” legge 86/2016. Tra le novità principali, la sospensione per un anno dei corsi per l’abilitazione all’esercizio di guida turistica fino alla definizione del profilo nazionale.


Nella seduta di mercoledì 9 maggio 2018 il Consiglio Regionale della Toscana ha approvato la legge di modifica del Testo Unico del sistema turistico regionale (P.d L. 251/18), raccogliendo in tale occasione le richieste da tempo avanzate dalle associazioni di categoria, tra le quali Confguide Confcommercio, in merito alla disciplina delle professioni turistiche.

Quanto approvato ieri in seduta consiliare rappresenta un risultato importante per la categoria: il Consiglio Regionale ha accolto la richiesta avanzata anche da Confguide Toscana di sospensione dei corsi di abilitazione per l’esercizio di guida turistica.

La sospensiva avrà durata massima di un anno o fino all’emanazione del provvedimento nazionale che definisca il profilo della guida turistica nazionale.

Confguide regionale della Toscana fa sapere che a questo risultato si è giunti anche grazie ai numerosi incontri e alle pressioni che la federazione ha più volte manifestato alla Regione Toscana per evidenziare i problemi della categoria che, fino a poco tempo fa erano ritenuti di scarsa rilevanza dal legislatore, mentre il lungo dibattito al quale si è assistito nel corso della seduta di Consiglio  ha evidenziato come l’amministrazione regionale abbia finalmente riconosciuto l’esistenza di un problema concreto e reale a carico delle professioni turistiche, tale da non poter più essere rimandato.

La decisione di sospendere i corsi di abilitazione da parte della Regione Toscana non arriva quindi come soluzione per “calmare le acque” ma è il frutto della consapevolezza che è necessario e urgente ricorrere a un periodo di “stop” entro il quale lavorare fattivamente per arrivare a una nuova norma allineata alle direttive nazionali.

 

Per approfondire:

il dettaglio della P.d.L. approvata dal Consiglio Regionale della Toscana.

le dichiarazioni dell’assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo.

 

Per maggiori informazioni:
Confguide regionale della Toscana

tel 055 468141

mail e.scali@confcommercio.toscana.it

segretario: dott. Emanuele Scali

 

Linee di indirizzo per l’interpretazione dell’ art. 8 del DM 565 del 11 Dicembre 2015

In Gazzetta Ufficiale del 26 febbraio 2016 – Serie Generale n. 47 è stato pubblicato il DM del MIBACT 11 dicembre del 2015 n. 565 avente ad oggetto la ” Individuazione dei requisiti necessari per l’abilitazione allo svolgimento della professione di guida turistica e procedimento del rilascio dell’abilitazione”.