Confguide | Musei: Franceschini, autonomia colma gap sui social
ConfGuide è federazione leader nella rappresentanza del sistema guide turistiche, ambientali e accompagnatori turistici, sinonimo di qualità e professionalità.
confguide, confguide nazionale, guide turistiche, guide turistiche certificate, guide turistiche abilitate
21053
single,single-post,postid-21053,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
a4a539e68ad82776e0726fdabf383fcc

Musei: Franceschini, autonomia colma gap sui social

ROMA – L’avvento dei social media ha rappresentato una novità che ha modificato le strategie di marketing delle imprese. Ma quanti sono coloro che li utilizzano per entrare in contatto con i luoghi della cultura? A dare la risposta è il decimo Rapporto condotto dall’Associazione Civita, con la collaborazione di Unicab: secondo i risultati di #Socialmuseums.

Social media e cultura fra post e tweet – questo il nome dell’indagine – sono circa nove milioni gli italiani (il 36,6% degli intervistati), in prevalenza fra i 25 e i 44 anni, che impiegano i social media per entrare in relazione con le istituzioni culturali. La ricerca è stata condotta mediante questionario su un campione di 1.112 utenti tra i 18 e i 65 anni di età, corrispondenti a circa 24 milioni su un numero complessivo di 36,5 milioni italiani che utilizzano i social media. In termini d’intensità delle relazioni, dal Rapporto di Civita emerge che le donne sono più propense a rapportarsi alle realtà culturali mediante i social media, ad esclusione della fascia tra i 25 e i 44 anni in cui è più alto il numero degli uomini. Se la ricerca di contatto riguarda per il 47,8% direttamente gli artisti, tra i luoghi culturali, ad avere un pubblico online più fedele e affezionato sono gli enti lirici e musicali (14,8%), seguiti dai musei (10,7%), dai teatri (8,2%), dagli spazi espositivi (7%) e, infine dalle biblioteche (6,6%).

Scarsa l’interazione finalizzata all’acquisizione di informazioni per la prenotazione o l’acquisto del biglietto d’ingresso: gli utenti impiegano i social soprattutto per la fruizione virtuale e per scaricare materiali messi a disposizione dalle organizzazioni culturali, mentre la funzione di “user-generated content”, vale a dire di creazione di foto, video e altri contenuti da parte degli utenti, in Italia risulta ancora marginale. L’indagine, curata da Luca De Biase, fondatore e caporedattore di Nòva, e Pietro Antonio Valentino, vicepresidente del comitato scientifico di Civita, sarà illustrata domani all’Auditorium dell’Ara Pacis di Roma, alla presenza del ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo Dario Franceschini.

 

(ANSA)

No Comments

Post a Comment