Confguide | «Troppo poche le guide turistiche di Lecce»
ConfGuide è federazione leader nella rappresentanza del sistema guide turistiche, ambientali e accompagnatori turistici, sinonimo di qualità e professionalità.
confguide, confguide nazionale, guide turistiche, guide turistiche certificate, guide turistiche abilitate
21249
single,single-post,postid-21249,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
Lecce-Saint-Croce

«Troppo poche le guide turistiche di Lecce»

Quotidiano di Puglia – Lecce

Stefania De Cesare

 

Sempre più turisti e sempre meno guide turistiche. Alla vigilia della stagione estiva, Lecce rischia di farsi trovare nuovamente impreparata davanti ai visitatori che bussano alle porte della città. Ad accogliere i numerosi turisti pronti ad ammirare le meraviglie del barocco, infatti, non ci sarebbero abbastanza guide turistiche abilitate. A lanciare l’allarme, Daniela Bacca, presidente di Assoguide Puglia: «In questi giorni siamo stati costretti a rifiutare numerose offerte di lavoro perché non avevamo personale sufficiente e abbiamo dovuto rifiutare numerosi gruppi. C’è carenza di guide soprattutto per il mercato turistico tedesco, austriaco, svizzero e francese».
 

La denuncia da parte del presidente di Assoguide Puglia arriva proprio a seguito di una nuova sanzione ai danni di una guida non autorizzata. Nei giorni scorsi, in piazza Sant’Oronzo la Polizia Locale ha fermato una ragazza tarantina, sorpresa mentre era impegnata a illustrare agli ospiti stranieri le bellezze del barocco leccese senza aver mai conseguito la necessaria abilitazione all’esercizio dell’attività. Multa di 1000euro per la ragazza che esibiva il tesserino di una cooperativa di servizi turistici con sede nel brindisino. Un riconoscimento non sufficiente per svolgere la professione. «I vigili hanno fatto il loro dovere e i controlli sono sacrosanti – sottolinea Bacca -, ma nel frattempo il territorio cosa fa? Non ci sono abbastanza guide turistiche abilitate e specializzate. In che modo il territorio vuole intervenire per risolvere il problema? Ogni giorno Lecce ospita centinaia di visitatori, il Salento così rischia di fare una brutta figura».

E se le guide autorizzate scarseggiano, dall’altra parte non sono poche le aspiranti guide pronte a entrare in gioco ma impossibilitate a farlo. Al momento, le speranze sono affidate alla Provincia di Taranto. L’Ente, infatti, ha reso pubblico già da tempo l’avviso del concorso per l’abilitazione alla professione che però ha subito dei ritardi burocratici. A seguito della riforma Del Rio e con la legge regionale dell’ottobre 2015, l’incarico di redigere i concorsi è passato dalle mani delle Province a quelle della Regione, demandando comunque ad un Osservatorio regionale la facoltà di attribuire alcune funzioni non fondamentali a Province e Comuni. Al momento, però, tra Regione e Provincia di Taranto i rapporti restano tesi per problemi legati alla nomina dei membri della commissione che ha portato a numerosi rallentamenti. Nonostante la diatriba, Taranto continua a portare avanti i lavori, pubblicando pochi giorni fa il decreto per “l’affidamento incarico al Dirigente del 6° Settore per l’individuazione e la nomina dei funzionari della Regione con competenza in legislazione turistica da porre in seno alle Commissioni esaminatrici”.

Qualcosa quindi si muove per le aspiranti guide, non solo tarantine. La normativa, infatti, non pone limiti geografici per cui a sostenere il sospirato esame possono essere anche i salentini: «Ci auguriamo che questo concorso vada in porto – afferma Aurora Mastore, portavoce delle aspiranti guide pugliesi -. Siamo contrari all’abusivismo, per questo non esercitiamo. Però gli enti devono metterci nelle condizioni di poterci abilitare. Il 30 maggio dovrebbe uscire il calendario ufficiale, con le date degli esami più la banca dati dei quiz. Capiamo le difficoltà in cui le province si trovano a operare però l’importante è che qualcosa si muova». «Mi auguro che la situazione si blocchi al più presto – afferma Luigi Nanni, storica guida leccese -. Bisogna incoraggiare la legittima aspirazione dei giovani che vogliono intraprendere questo mestiere. Gli enti devono organizzarsi e mettere nelle condizioni le guide non autorizzate di potersi mettere in regola».

 

No Comments

Post a Comment