Confguide | TURISMO FIRENZE. CONFGUIDE: OK A CARD CONTRO FALSI CICERONI
ConfGuide è federazione leader nella rappresentanza del sistema guide turistiche, ambientali e accompagnatori turistici, sinonimo di qualità e professionalità.
confguide, confguide nazionale, guide turistiche, guide turistiche certificate, guide turistiche abilitate
21507
single,single-post,postid-21507,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
Bit 2016 - Presidente Confguide

TURISMO FIRENZE. CONFGUIDE: OK A CARD CONTRO FALSI CICERONI

MIGLIOSI: SITUAZIONE INCONTROLLABILE, MA TESSERINO NULLA DI NUOVO
(DIRE) Firenze, 13 lug. – L’abusivismo tra le guide turistiche
“e’ un problema estremamente grave”, anche perche’ “ad oggi la
situazione e’ incontrollabile. Mi fa piacere quindi che Firenze
sia uno dei primi Comuni italiani a recepire questa tematica”.
Pero’ se il tema e’ il patentino elettronico “dico con franchezza
che non ha inventato niente di nuovo. Si tratta di un dibattito
che va avanti da anni”. Lo sottolinea alla ‘Dire’ Maria Paola
Migliosi, presidente nazionale di Confguide Confcommercio a
proposito del via libera arrivato in commissione Sviluppo
economico del Comune del tesserino dotato di ‘Qr code’, sistema
pensato per contrastare il fenomeno delle guide abusive.
   Se da una parte infatti “l’Europa ci chiede l’apertura della
nostra professione”, dall’altra tuttavia la vincola “a direttive
ben precise. E’ su questa logica che si parla dell’European
professional card, oppure di un vero e proprio identikit per i
professionisti”. Il gruppo Pd, che ha promosso l’iniziativa, si
e’ ispirato ad altre piazze turistiche, come Pisa e Roma. Li’ il
sistema funziona? “Non proprio. Mi spiego, c’e’ il progetto pero’
le amministrazioni comunali non hanno ancora completato
l’operazione: mancano per esempio gli strumenti per verificare i
codici, le ‘pistole’ per le verifiche”. Detto questo per Migliosi
il punto vero resta la professionalita’: “Abbiamo completato uno
studio importante sulla guida turistica a livello nazionale.
Nell’analisi emerge chiaramente che l’85% delle guide turistiche
ha un’ottima formazione culturale e che circa il 90% lavora sui
siti artistico-culturali. Il problema e il rischio, quindi, e’ la
formazione approssimativa e non in linea alle esigenze di un
turismo di massa che si caratterizza pero’ da richieste
particolari”.
  (Dig/ Dire)
12:10 13-07-16

No Comments

Post a Comment