Confguide | Web Press: Turismo e Attualità
ConfGuide è federazione leader nella rappresentanza del sistema guide turistiche, ambientali e accompagnatori turistici, sinonimo di qualità e professionalità.
confguide, confguide nazionale, guide turistiche, guide turistiche certificate, guide turistiche abilitate
20696
single,single-post,postid-20696,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.2.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Web Press: Turismo e Attualità

Confguide e Confturismo, analisi della figura della guida

 

guide
12/02/2016 – Presentata in Bit nel giorno di apertura  una ricerca sulla figura della guida  commissionata   a Isnart da Confguide, sindacato nato nel 2013 in seno a Confcommercio con l’obiettivo di “contrastare il fenomeno diffuso dell’abusivismo, garantire servizi di qualità, fornire informazioni corrette, attivare corsi di formazione e di aggiornamento”. Nell’ambito della ricerca   è stato intervistato un ampio campione di guide turistiche abilitate sul territorio italiano, mettendo in evidenza le principali caratteristiche professionali, i target di clientela, i committenti ed i rapporti con gli altri operatori della filiera turistica locale.“Il dato che emerge in maniera più evidente da questa ricerca è che solo il 6,3% della committenza arriva da Enti Pubblici. Questo significa che il pubblico non aiuta lo sviluppo della nostra attività professionale sul mercato. A volte abbiamo perfino la sensazione  di essere visti come dei “concorrenti” da Enti e Istituzioni locali ai quali è affidata la gestione di parte rilevante del nostro patrimonio culturale, un’assurdità se si pensa al ruolo che il turista ci riconosce nei fatti e che l’identikit tracciato da questa ricerca fa emergere chiaramente”. E’ questo  il commento di Maria Paola Migliosi, presidente di Confguide-Confcommercio.”Sullo specifico dei dati presentati oggi, penso che una maggiore sinergia tra gli operatori della filiera del turismo e le guide possa arricchire l’offerta turistica: la visita guidata rappresenta, senza dubbio, un valore aggiunto importante nell’esperienza del turista/visitatore- le parole di   Luca  Patanè, presidente di Confturismo, che ha sottolineato  il fatto che ”  in occasione del convegno di Confguide organizzato da Confturismo Confcommercio si sono viste confrontare    diverse nostre realtà associative, Confguide, appunto,  Federalberghi, Fipe, Federviaggio che interfacciando in modo innovativo le proprie esperienze e professionalità aprono  nuove strade per lo sviluppo del mercato turistico dei nostri territori. E’ il valore aggiunto di Confturismo-Confcommercio, l’unica realtà che vede confluire una rappresentanza associativa di diverse componenti del turismo così vasta e onnicomprensiva”.    Tra i dati emersi, l’identikit della guida turistica:  sono italiane 9 su 10 le guide turistiche che operano in Italia. Hanno un’età media tra i 31 ed 50 anni. L’83,5% ha un alto livello di preparazione culturale di base: con lauree in discipline inerenti la conservazione e la tutela dei beni culturali, in storia dell’arte e l’archeologia o le lingue straniere. 4 guide su 10 hanno anche altre abilitazioni professionali. L’80% associa la qualifica di accompagnatore turistico, mentre l’11,8% è anche direttore tecnico di agenzia di viaggi e il 10,6% è guida ambientale o escursionistica. Ne consegue che le guide turistiche italiane sono in grado di soddisfare, attraverso le loro competenze specifiche, le richieste e le esigenze di una utenza di turisti e visitatori sempre più variegata, esigente ed attenta a temi diversi e spesso nuovi. I principali committenti sono le agenzie di viaggi (indicate dal 55,7% delle guide) ed i Tour Operator (39,7%), seguiti dalle associazioni culturali (27,7%) e dalle scuole (25,1%), mentre la richiesta arriva da clientela privata per il 24% delle guide e da enti pubblici per il 6,3%. I servizi più frequentemente svolti sono quelli squisitamente “culturali”, ovvero visite guidate o tour all’interno di musei, mostre temporanee, siti monumentali e archeologici (72,3% delle guide), mentre il 20,5% delle guide lavora soprattutto con passeggiate e tour turistici in esterna e il 2,9% è specializzata anche in tour a carattere religioso. Da non sottovalutare la specializzazione di una parte delle guide intervistate (1,8%) nell’effettuazione di percorsi naturalistici e, soprattutto, enogastronomici, a testimonianza di un ruolo crescente dell’attività di questi professionisti anche negli itinerari del gusto e nella promozione dei sapori e dei prodotti tipici del territorio.

http://www.turismo-attualita.it/news/confguide–e-confturismo-analisi–della-figura-della-gu%20%20/54944

No Comments

Post a Comment